2 Febbraio la notte Sacra di Februa

 

Eccoci per la preparazione di questo rituale notturno

Questa notte è una notte molto sacra…

Accendere una candela o una fiamma significa automaticamente creare un legame con il divino che trascende il gesto in sè aprendo un varco tra il mondo degli uomini e quello spirituale.

I primi rudimenti della magia del fuoco che ho imparato, avevo da poco sei anni, fu la creazione delle lampade a olio…

Noi donne Italiche non usavamo candele, accendevano lampade…

E lo ammetto amo farlo ancora…

I lumi ben descritti nel mio libro Aghi Spilli e Specchi…. Sono il tramite tra noi e il cosmo…

Quindi vi consiglierò di prepararne uno…

Fatelo per voi secondo tradizione.

Prendete un coccio o piattino concavo e dai bordi alti, procurate un sottopentola e ponetelo sotto al piatto :

Procurate un battuffolo di cotone non molto grande. Il battuffolo deve essere appiattito al fondo e dovrete dare vita a un piccolo codino, quasi come se doveste creare un piccolo fungo capovolto con il gambo per Aria.

Scegliete un olio che può essere quello d’oliva o di semi e intingete il vostro stoppino dolcemente nell’olio. Con le dita unte ripassate piu’ volte la parte che somiglia al gambo del fungo. Versare altro olio non più di due centimetri. E usate un fiammifero lungo o se siete pratiche un accendino. Nell’olio potete aggiungere qualche essenza per profumarne gli effluvi.

Sciogliere qualche essenza sul fondo del piatto

Mettere dell’olio leggero

La notte tra l’1 e il 2 febbraio

Spegnete tutte le luci di casa accendete il vostro lume a olio e fate un giro dentro casa per portare la luce del nuovo, la bellezza, la grazia e la risoluzione, nelle stanze girate da destra verso sinistra.

Ritornate al tavolo e quella stessa sera preparate un olio con cui ungerete le candele.

Unzione… dall’alto al basso per attrarre o avvicinare, dal basso all’alto per allontanare o bandire.

Olio potete usarlo da solo o in mistura.

La mistura che preferisco

È

Quella del fuoco…

La trovate sul mio libro…

Usate tre gocce di ogni essenza.

Rosmarino

Verbena

Mirra

3 chicchi di sale

Altrimenti spruzzate dentro il vostro profumo, in alternativa va benissimo niente solo olio…

olio di girasole o di oliva

Lasciate le candele, coperte da un panno, vicino alla Mistura di olio e al lume acceso , custodite la fiamma e all’indomani fate l’unzione.

Riponete le candele in un panno perché resteranno pronte tutto l’anno.

Vi consiglio di usare quelle scure per allontanare… E quelle chiare per attrarre…

A rito concluso fate consumare l’olio.

 

Per le candele ho già detto… Ne tenete una benedetta in questo periodo che, non accenderete mai e, ogni volta che dovrete fare la benedizione delle nuove candele questa candela porterà la benedizione di questi giorni.

Quindi dovrete solo esclusivamente mettervi nella condizione di rispettare le lune piene oppure giorni tipo la domenica alle 12:00 per consacrare nuove candele.

 

Fate attenzione e non lasciate la fiamma incustodita

Grazie

Michela Chiarelli

 

foto di Michela Chiarelli