Per capire il concetto di postura, vale la pena segnalare due definizioni  che identificano la sua essenza in modo preciso e sintetico:

“Per postura possiamo intendere la posizione del corpo nello spazio e la relazione spaziale tra i segmenti scheletrici, il cui fine è il mantenimento dell’equilibrio (funzione anti-gravitaria), sia in condizioni statiche che dinamiche, cui concorrono fattori neurofisiologici, biomeccanici, psicoemotivi e relazionali” (Scoppa 2005)

ImbalancedSkeleton

“La postura è la posizione che il corpo assume nello spazio, sia come atteggiamento rispetto all’ambiente che come relazione spaziale tra i vari segmenti scheletrici. Essa viene identificata come l ’atteggiamento che il corpo assume per adattarsi all’ambiente.” (Nart A.,ScarpaS. 2008)

Estendendo il concetto possiamo aggiungere che la Posturologia è una branca trasversale della medicina che si occupa di studiare e risolvere (laddove sia possibile) problematiche e disfunzioni funzionali derivanti da alcuni fondamentali recettori quali le cicactrici, l’occhio, l’orecchio, il piede, l’apparato stomatognatico e i fattori psicofisiologici. Questi recettori, se squilibrati, possono alterare la postura determinando delle posizioni scorrette che a lungo andare causano patologie dolorose in tutto il corpo.


La Posturologia Vibrazionale è una branca della medicina complementare che studia il funzionamento del sistema posturale e il rapporto tra questo e le patologie che possono derivare dall’assunzione di una postura scorretta quali ad esempio: mal di schiena, artrosi, ernia del disco, sciatica, lombosciatalgia, ernia cervicale, lombalgia, scoliosi, disturbi della colonna vertebrale, dolore lombare, discopatia cervicale, tendinite, vertigini, ma anche mal di testa, bruxismo o malocclusioni.
Partendo dall’assunto che molte patologie dolorose derivano dall’assunzione di una postura scorretta, la Posturologia tratta il sistema posturale come un insieme molto complesso che vede coinvolte le strutture del sistema nervoso centrale e periferico, il piede, la bocca, l’occhio, il sistema cutaneo, i muscoli, le articolazioni, ma anche l’apparato masticatorio e l’orecchio interno.

Un po’ di storia


Il termine postura è stato utilizzato per la prima volta nel Rinascimento nel “Trattato di Anatomia Umana” di Redi, medico, anatomista e letterato, per definire “l’atteggiamento abituale del corpo o di parti di esso”.
Il primo ad interrogarsi sui meccanismi che sono alla base della postura fu Charles Bell, intorno alla metà dell’800, il quale si domandò “Come fa l’uomo a mantenere la posizione eretta o inclinata contro il vento che gli soffia contro?”. Terminati i suoi studi e le sue ricerche, giunse alla conclusione che ogni individuo è alla ricerca del suo stato di equilibrio, ma il corpo umano non arriva mai allo stato di perfezione.
Dopo di lui, molti altri studiosi si dedicarono all’analisi dell’equilibrio del corpo, indagando ed analizzando quegli elementi che influenzavano il sistema propriocettivo (ossia il sistema di regolazione posturale, dell’equilibrio e del controllo motorio), ma lo fecero ognuno nel proprio settore scientifico di appartenenza.
Tra questi, Romberg studiò il ruolo della vista e della propriocezione podalica, creando il test che porta il suo nome (Test di Romberg), Flourens (1794-1867) analizzò il ruolo del vestibolo, Longet (1845) il ruolo della propriocezione dei muscoli paravertebrali, De Cyon (1911) il ruolo della stabilità posturale data dai recettori dell’occhio, Magnus (1926) il ruolo della pianta del piede. Nessuno di loro, però, fu capace di dare al problema dell’equilibrio posturale un’ottica multidisciplinare.
La comprensione del fatto che la postura è il risultato di un elaborato sistema che coinvolge diversi organi, arriva solo verso la metà degli anni ‘50, grazie agli studi di Baron (1956) e Tadashi Fukuda (1959), i quali introdussero i primi concetti concreti di postura e di equilibrio posturale e delle condizioni fisiologiche che lo rendono possibile, tanto da portare alla nascita della Posturologia come scienza e come specializzazione a sé stante.

fonte web

https://www.dottori.it/salute/posturologia#:~:text=La%20Posturologia%20%C3%A8%20una%20branca,sciatica%2C%20lombosciatalgia%2C%20ernia%20cervicale%2C