Michela ho dovuto pubblicarlo subito di getto il tuo articolo, non so se l’immagine va bene o se ci sono delle parole da evidenziare ma dovevo pubblicare subito, c’era questa urgenza sentivo come una spinta.

Michela, le tue parole mi hanno fatta commuovere profondamente, la verità delle tue parole è grande.

io ho visto le tue piaghe, ho visto quello che fai, …tutto quello che fai…non sono parole sono fatti concreti, è vita concreta fatta di sangue e dolore nel quale tu metti le mani…ti sporchi le mani…non stai solo a parlare…

ne sono testimone.

Passato, presente, futuro, gioia e dolore, vita e morte sembrano realtà separate, ma è un’illusione: ci sono verità che la nostra coscienza deve ancora comprendere.

Il dolore non può continuare a essere nascosto, non detto, non rivelato. La responsabilità finale è dentro di noi, la strada è indicata.

con immensa stima e affetto

Cristina Carrara