La musica sciamanica… un metodo intuitivo straordinario…

L’approccio,  da me approntato esce dagli schemi del musicista canonico e dalle righe del pentagramma e può definirsi intuitivo. La mia trisavola era probabilmente un Bardo.

Il mio rapporto con la musica nacque nel 1985, appena iniziata allo Sciamanesimo Italiano. Ho trovato la mia via nel Suono e ho appreso e da allora pratico arti da Cantadoras e Cuentistas, il mio canto e il mio suono sono taumaturgici.

Il corso è strutturato da me, sulla sensibilità intuitive e spirituali dell’operatrice e sulla sua capacità di entrare in relazione con gli altri e con l’ambiente in cui lavora.

La località ove insegno è Cavagnolo, in provincia di Torino. Da un punto di vista terapeutico, la musica sciamanica è una disciplina olistica che usa il suono, la musica e il movimento per produrre effetti regressivi e per aprire canali di comunicazione che ci mettano in grado di iniziare il processo di preparazione e di recupero del paziente per la società.

Il percorso prevede 32 ore di studio che possono essere approfondite con ulteriori incontri qualora l’apprendista sia interessata ad esplorare nuovi viaggi interiori. Così strutturati: quattro incontri di due giorni da quattro ore al giorno. Le sedute del corso sono secondo antica tradizione maestro e allievo, non di gruppo.

Il corso è rigorosamente individuale.
Il corso è suddiviso in tre livelli, ogni livello è di otto incontri suddivisi in quattro macro categorie.

 

https://www.michelachiarelli.com/arpa-e-colori/