Il potere del sale è immenso, purifica sostiene è meraviglioso.

Facciamo un rito di purificazione e protezione.

Ciò che occorre è del sale, meglio se consacrato. Il sale purifica, esorcizza e difende egregiamente.

Traccia una figura circolare incominciando da Est, come in ogni cerchio magico, in quanto l’est è il punto in cui sorge il giorno (quindi per fugare le “tenebre”).

Si procede verso destra passando per i punti Sud, Ovest, Nord e chiudendo ad Est. Questo anello bisogna disegnarlo attorno a se stessi, una persona, un animale, un oggetto o un luogo che necessitano protezione.

In questo modo andiamo a creare una vera e propria barriera protettiva.

L’energia negativa presente addosso alla persona è neutralizzata dal sale, mentre quella che vortica attorno non può oltrepassare la barriera, girando a vuoto finché il sale la neutralizza. Le entità maligne verranno disperse.

Il soggetto da proteggere e purificare dovrebbe restare nel cerchio preferibilmente per tutta la durata di un’ora planetaria o almeno finché avverte un senso di benessere e leggerezza (fisica, emotiva o mentale).

Accompagna il cerchio con la visualizzazione di barriere luminose. Mentre la persona è nel cerchio dovrebbe rilassarsi e portarsi in uno stato di raccoglimento, preghiera e pensiero positivo. Per potenziare la protezione aggiungere elementi protettivi come, ad esempio, aglio, peperoncino o acqua consacrata.

È preferibile entrare nel cerchio dopo essersi preventivamente purificati.

Evita di tracciare il cerchio di sale direttamente sul l’erba e piante , perché si seccherebbero.

© di Michela Chiarelli