Nella visione di Maddalena le due donne, si coprirono il capo con i propri veli e uscirono dalla tenda. La tenda di Maria era al centro dell’oasi, era la più grande anche perché conteneva sempre circa dodici giacigli, oltre alla zona ove ella pregava e teneva i suoi scritti.

La luce del sole era bassa, il tramonto era prossimo, entrambe attraversarono lo spiazzo antistante la tenda principale, mentre altre persone, tra cui anche le giovani che avevano causato le pene a Maddalena, le osservavano parlando tra loro.

Maria era profondamente dispiaciuta, percepiva le emozioni contrastanti del gruppo e davvero chiedeva a se stessa pazienza e considerazione per quelle anime.

Yeshua nel suo cortile, piallava delle assi, per poterle assemblare in qualche nuovo manufatto; il suo corpo era madido di sudore. Avvertì il passaggio delle due donne e, col capo chino, si volse verso di loro inchinandosi in segno di riverenza. Maria, con la forza del pensiero, gli comunicò di badare all’oasi per qualche ora ed egli le rispose con un cenno di assenso.

Il deserto, rosso dal sole, sembrava attenderle come un grande e vecchio amico. Le dune si modificavano incessantemente sotto l’azione del vento e Maria parlò:

« Osserva Maddalena, cosa vedi? »

«Il sole, il deserto, l’infinito…» rispose la ragazza…

 

 

Una lettura Sacra dei registri dell’anima e del tempo ci racconta la vera storia di Maria di Nazareth, madre di Gesù, regina di Israele. Pagine ricche di rivelazioni sulla Donna più potente nella Storia dell’umanità, Maria Vergine e Madre, custode dell’arca dell’alleanza, maestra d’armi, educatrice del futuro Re. Tra guerriglie, mistificazioni, inganni e tradimenti emergono figure molto diverse da quella universalmente conosciute.

 

scoprila qui

 

 

Grazie

Michela Chiarelli ©