Un giorno dei tanti, quando ormai avevo circa 11 anni e il mio potere di osservazione aveva fatto di me una praticante a tutti gli effetti, Nonna Malva, molto fiera di me, mi portò per la prima volta con sè.

Era la notte di San Giovanni e dovevamo raccogliere le erbe sacre, camminando scalze nella rugiada del mattino…

La sera prima avevamo steso un lenzuolino di mussola di cotone bianco immacolato sul suo piccolo appezzamento di orto.

Prima di partire ci trovammo a raccoglierlo e strizzarlo per carpirne la rugiada – curatrice di tutti i mali – che vi si era depositata durante la notte…

Strizzata la rugiada, il nostro mattino si faceva interessante. Durante il cammino Nonna Malva mi disse:

” Vedi cara, ancora qualche anno e saprai tutto ciò che c’è da sapere sulla Conoscenza Ancestrale degli Antichi Figli della Dea Madre e del Dio Padre qui sulla terra…”

La leggenda più profonda è nel cuore degli uomini, di tutte le civiltà e di tutte le religioni.

Racconta di Esseri di Luce innamorati dell’Umanità, Angeli Grandiosi e Potenti, figli della Luce e dell’unione di Armonia e Saggezza.

Essi, venuti su questo nostro mondo, si fusero con le Donne umane, donando a loro il potere di dominare sulle intemperie, sulle forze della natura e sugli eventi creati dall’umanità stessa.

Col passare del tempo, queste grandiose unioni crearono semi di luce, Semidei dai poteri incredibili di creazione e distruzione.

Tutte le religioni umane, nei propri libri sacri, adorano Divinità che hanno compiuto grandi gesta e che quindi, come ben capirai, sono vissuti in qualità di Umani speciali e potenti, dalle facoltà cerebrali molto superiori alle nostre…

L’Uomo attuale ha avuto molto paura di queste differenze e in vari periodi storici, partendo dalle origini, dal tempo del continente perduto, ha ucciso, depradato e distrutto.

Così, milioni di persone speciali sono state uccise con la scusa di eresia e malvagio danno: tutti i figli della luce, compreso il Cristo…

Questi esseri di luce, comunque trasmisero  le loro conoscenze: pranoterapia, trasferimenti energetici, la guarigione tramite manipolazione ossea e la medicina tratta da erbe medicamentose magiche e potenti…

Essi insegnarono i nomi degli Angeli Reggenti le Quattro direzioni che, unendosi tra loro, crearono il mondo manifesto: il nostro.

Insegnarono che questi Angeli, apparentemente fatti di quattro sostanze diverse, erano in realtà connessi e compenetranti in loro, tra loro, con la terra, dentro la terra e con l’uomo e dentro l’uomo.

La tua carne è la Terra…il tuo sangue è l’Acqua…il tuo cuore è il Fuoco…il tuo respiro è l’Aria.

Tu sei Così come la terra, nel cui centro batte un cuore di fuoco, scorrono fiumi di acqua e sulla cui pelle corre il vento…

In più, loro insegnarono alle nostre Ave e alle nostre Antenate che c’era di più, che c’era lo Spirito.

E nello Spirito, tutti siamo UNO…

In ogni cosa che ci circonda vivono quattro Angeli e ogni Erba, Minerale o essere vivente, nello Spirito  è unito a uno o più elementi…

E’ questa l’unione simbolica che noi ricreiamo, quando uniamo

insieme

Il Sale, La Piuma, La Candela, La Conchiglia

Che rappresentano rispettivamente

La Terra, l’Aria, il Fuoco e l’Acqua

Questa è la base della conoscenza.

Unioni simboliche in cui mescoliamo: erbe, spezie, candele, colori, piume, conchiglie…per ricreare l’Unione e attrarre Luce.

Fu per questo che ci trasmisero la conoscenza!

 

Michela Chiarelli ©

 

Favolisticamente Magia di Michela Chiarelli, Ed.CdL