Un occhio: fonte di protezione 👁️

Riprendiamo il viaggio sui sensi e attributi di cui il mondo animale ci ricorda l’importanza.

Oggi parliamo di occhi:

Una pratica molto antica è quella di usare il disegno di un occhio come amuleto contro le influenze negative.

L’occhio è anche rivelazione, è lo “specchio dell’anima”.

Come organo di percezione, si lega alla luce.

Molto apprezzato come tatuaggio è l’occhio di Horus o Ra, che rappresenta il Sole: è un segno magico, un augurio di rigenerazione che gli Egizi raffiguravano ovunque. Nell’antico Egitto il geroglifico della divinità era l’occhio, che in lingua geroglifica significa vedere, e anche creare.

La visualizzazione è la capacità di creare un’immagine mentale, un potenziale che tutti noi abbiamo e che usiamo sempre, consapevolmente o meno.

Così l’occhio può essere un simbolo di creatività e autoguarigione.

Diffuso in numerose culture, l’occhio simboleggia ovunque, insieme alla mano, la divinità. Disegnato in un triangolo, è l’Occhio della Provvidenza e “vede tutto”. Circondato da raggi, è Luce eterna.

L’occhio nelle varie religioni
A seconda dei vari credi e culti inoltre, l’iconografia e i significati dell’occhio cambiano notevolmente! Di seguito vi lasciamo i simbolismi legati alle principali religioni:

Secondo la religione cattolica e le correnti cristiane, l’Occhio di Dio è rappresentato mentre vigila su una tenda che rappresenta il tabernacolo ( il tempio ei fedeli ). Quindi simboleggia l’onnipresenza di Dio e la protezione che fornisce verso i credenti.

Un’altra interpretazione lo interpreta come l’apertura vero il cielo che si apre al centro di un qualunque luogo di culto e preghiera, quindi la porta solare che fornisce l’accesso verso il mondo celeste.

Secondo il credo induista, la dea Shiva, viene rappresenta con il terzo occhio nel centro della sua fronte, come simbolo di spiritualità, intuitività, dell’anima e quindi come ulteriore strumento di percezione sensoriale. Questo terzo occhio a differenza dei canonici due, ci premette di vedere l’invisibile, ciò che si cela dietro tutto ciò che è materiale e quindi concerne la sfera dello spirituale. un tatuaggio con occhio, può rappresentare la necessità di avere ulteriore protezione, oppure una finestra in più sul mondo spirituale, sulla nostra anima e su quella degli altri.

Infine, secondo i precetti islamici, l’occhio viene interpretato come l’”occhio del cuore”, il centro della spiritualità, la sede dell’intelletto assoluto e dell’illuminazione!

Celtica: l’occhio assume una connotazione negativa, viene visto come allegoria del maligno e simboleggia l’invidia.
Cinese: l’occhio in questo caso, assume un duplice significato a seconda che di tratti di quello destro o sinistro; rispettivamente simboleggiano la luna e il sole.
Giapponese: segue lo stesso significato che assume nella tradizione cinese e secondo un’antica credenza, dall’occhio destro di Izanagi, divinità shintoista, nacque il dio della luna.
Greco: In questo caso il tatuaggio occhio greco, simboleggia Apollo, il contemplatore del cielo, ma anche il sole, che rappresenta I ‘occhio di Zeus.

Iraniano: rimanda alla figura di Yima, il Dio Pastore, che possiede I ‘occhio solare e detiene il segreto dell’immortalità.
Oceaniano: rimanda alla visione del sole come il «grande bulbo oculare».
Sumerico- semitico: l’occhio raffigura Ea, o Enki, Signore dell’Occhio Sacro, e rappresenta la saggezza, l’onniscienza e la vigilanza.

Scegli con attenzione da cosa vuoi essere protetta.

Prendi una penna e traccia il tuo occhio su un pezzo di carta poi metti il foglio sotto il cuscino e prima di dormire chiedi di essere liberata dalle negatività e dal malocchio.

Michela Chiarelli ©

2019-09-19T17:03:54+00:00